Circoncisione

Risposta > Categoria: Filosofia > Circoncisione
figlio Chiesto 4 anni fa

Qual è la tua posizione sugli argomenti contro la circoncisione? Che il bambino sia un individuo che dovrebbe avere la scelta se compiere o meno atti irreversibili sul proprio corpo, che l'alleanza mette in pericolo il bambino e che in generale è come tagliare il capezzolo alle ragazze (per quanto riguarda l'argomento salute)

lascia un commento

1 Risposte
mikyab Personale Risposto 4 anni fa

Tali argomenti possono andare contro le abitudini alimentari, l'istruzione e simili. Non c'è via di fuga dall'influenza dei genitori sulla vita del bambino. Quindi, anche se l'affermazione è teoricamente corretta, non è applicabile. I genitori dovrebbero fare del loro meglio secondo la loro fede per lui. In particolare, da grande, la decisione di stringere un'alleanza lo ferirà e gli renderà le cose più difficili.

figlio Ha risposto 4 anni fa

Ma è un processo irreversibile contrario alle abitudini alimentari e educative

mikyab123 Ha risposto 4 anni fa

Non vero. Tutto è irreversibile. Ad esempio, l'istruzione lo porta in un luogo che influenza anche la decisione se cambiare direzione.

Dr. Ha risposto 4 anni fa

Sull'educazione si può dire che è reversibile ma l'alimentazione non è assolutamente reversibile.

Daniele Ha risposto 4 anni fa

Anche non circoncidere all'età di 8 giorni è una decisione irreversibile. Nessuno potrà restituire a questo bambino i giorni dell'infanzia in cui era fuori dal patto.

A Ha risposto 4 anni fa

Perché questo è l'unico problema che c'è dall'evasione del rabbino al corpo della questione le risposte sono deboli e non serie. In qualche modo ricorda l'apologetica ultra-ortodossa del nostro tempo.

ד Ha risposto 4 anni fa

R, appunto. Ma nota che ha scritto "anche se teoricamente corretto" e solo allora ha detto che non c'è altra opzione e tutto è irreversibile, ecc. Ma la vera risposta è che il comandamento della circoncisione supera il valore dell'autonomia del bambino senza cervello.

R. Ha risposto 4 anni fa

A mio parere, la risposta è in realtà forte e corretta e non evasiva.

Oren Ha risposto 3 anni fa

Facendo seguito a questo argomento, ho pensato di aggiungere che qui c'è un dilemma tra il valore dell'autonomia di una persona sui suoi figli e l'entità del danno per il bambino. Se si trattasse di una ferita molto grave (come l'amputazione di una gamba o di un braccio) ci sarebbe spazio per usare la coercizione per impedire questa pratica da parte di coloro che non ci credono (come costringere una persona a non suicidarsi anche se ha autonomia sul proprio corpo). Ma nel caso della circoncisione, il danno è relativamente piccolo e il valore dell'autonomia genitoriale sembra prevalere su di esso (così come una persona non è obbligata ad astenersi dal fumare pur facendo del male a se stessa). Quindi anche coloro che non credono nell'importanza della circoncisione, non dovrebbero privarla di coloro che ci credono. Al massimo, le persone possono essere educate pacificamente contro le cosiddette pratiche "barbariche".

lascia un commento